Lavatrice a ultrasuoni per nautica e subacquea

Lavatrice a ultrasuoni per nautica, erogatori, computer da polso, raccordi bombole per subacquea

componenti di precisione per subacquea

Raccogliamo quanto ci dice il Sig. Arturo, nostro cliente della provincia di Milano che ha aperto da qualche anno una attività di diving subacquea e vela in Sicilia.

Capita a volte di vedere su barche che sono ispezionate per lavoro di manutenzione, winchs, bozzelli e carrelli bloccati causa incrostazione di salsedine, polvere, grasso, veli di combustione e sporcizia varia che si è deposita negli ingranaggi durante il loro normale utilizzo.

Le pulegge, i bozzelli e gli Winchs, si muovono su meccanismi che spesso sono ghiere dentate, sfere e su rulli cilindrici che assicurano il minimo attrito durante lo scorrere delle drizze e delle scotte. Capita che questi particolari sono anche composti di leghe al carbonio, questo per diminuire ogni sfregamento e grattatura con i rulli e le guance nei quali sono ingabbiati, ma si sporcano pure loro.

Col tempo, malgrado una regolare lavata dopo l’uscita in mare aperto, il verricello (carrello) si incrosta e perde efficacia fino a bloccarsi e grippare il meccanismo oppure a funzionare male. Queste cose potrebbero rompere il carrello con lo stop delle manovre in corso e magari proprio mentre si issano o si calano le vele.

Nonostante i lubrificanti base teflon, la salsedine e lo sporco di ruggine si accumulano e provocano condizioni anomale come la maggior resistenza di scorrimento, ritardo delle regolazioni eseguibili e forte diminuzione di sensibilità.

winch

Per evitarmi questi problemi ho realizzato nel mio laboratorio, posto dietro al mio negozio, una sezione apposta per il lavaggio ad ultrasuoni, sia per controllo e collaudo dei winchs, bozzelli e altri manufatti sottoposti ad attrito e usure velistiche, sia per fare una buona disincrosstazione dei respiratori e dei componenti delle bombole da Sub.

I manufatti smontati o anche cosi come sono sono da immergere in una soluzione apposita all’interno di una vasca ad ultrasuoni e tramite un ciclo di lavaggi, li riporto al loro stato originale, come fossero nuovi e appena presi.

Il vantaggio di usare una vaschetta con gli ultrasuoni per le operazioni di pulizia al posto delle procedure manuali con gasolio, alcool e acetoni è stata una mossa vincente nella mia giornaliera attività.

Devo ammettere che non ci credevo all’inizio ma l’energia di cavitazione generata dalla potente lavatrice a ultrasuoni per nautica equipaggiata con sistema digitale pulse sweep system fornita da Ultrasuoni Industrial Engineering mi permette di raggiungere i punti di maggiore interesse dove si annida di preferenza la salsedine, la ruggine, i funghi e altra fastidiosa sporcizia marina. Infatti i componenti come gli ingranaggi e le sfere altri hanno punti più difficili del solito da raggiungere, impossibili da eliminare in altro modo. Diciamo pure che l’odiata salsedine e il lubrificante misto a muffe, alghe, piccoli molluschi e sale incrostato sono pessimi compagni di regata e con la cavitazione multifrequenza finalmente sono spariti ed eliminati.

MARES large_regulator

Oltretutto, una volta terminato il procedimento di lavaggio, tutte i diversi componenti sono visionati con un’accurato esame al microscopio stereoscopico per metallografia.

Questo controllo del metallo è veramente accurato e mi consente di verificare la presenza di microfratture o l’usura di ingranaggi che a occhio nudo non potrebbe essere vista con facilità. In caso di situazioni anormali segnalo subito il problema al committente per la riparazione/sostituzione dei pezzi.

Questo processo di lavaggio e collaudo del Rigging e dei Winchs è veloce, rapido .. forse un pochettino complesso ma garantisce una durata almeno doppia dei componenti nautici rispetto alla durata garantita dalla casa madre. Normalmente questa manutenzione è meglio farla su tutto il Rigging, almeno una volta ogni 2 – 3 anni per garantirsi una costante e massimale efficienza delle manovre correnti e.. controcorrente.